Protek ed Euroscreen: accordo di forza alla conquista "del mercato della grafica in Italia"

Una calorosa stretta di mano e un sorriso per la Stampa, ma questa volta gli organi d’informazione non centrano nulla. Si tratta invece di un gesto rituale che ha suggellato una importantissima partnership tra la nostra azienda rappresentata dall’Amministratore Giulio Fazzini, ed EUROSCREEN SRL, uno dei maggiori distributori nazionali di materiali e tecnologie dedicate alle arti grafiche, con il suo responsabile dell’operazione, Raffaele Schirinzi, Direttore Tecnologie Italia della società.

L’accordo è stato formalizzato nella sede del Dealer nazionale a Sassuolo, per cui nel prossimo futuro i professionisti italiani della grafica e del Retail Marketing da Nord a Sud ed Isole comprese, potranno venire a conoscenza con maggior forza della nostra vasta gamma di prodotti altamente tecnologici ed innovativi che da sempre sono pensati, ideati, progettati e realizzati nel nostro stabilimento di Collecorvino (Pe).

Lo sguardo è certamente rivolto verso l’esterno, con l’export, ma non abbiamo mai trascurato l’interno, ossia il territorio nazionale dove abbiamo intenzione di ramificarci sempre di più. Ed è per questo che ci siamo affidati a EUROSCREEN, distributore leader, che ci metterà a disposizione una struttura di vendita capillare, perfettamente organizzata e un know-how commerciale fuori dal comune. Per quanto ci riguarda, possiamo affermare con orgoglio di aver completato con i nostri prodotti la vasta offerta di soluzioni che questo gruppo storico e dalla forza dirompente rende disponibile alla propria clientela.

L’accordo vede una strategia di medio-lungo termine su un periodo di 36 mesi. Il primo anno e mezzo sarà dedicato alla fase di “studio”, la vera startup della partnership e si procederà per step con la formazione del personale di EUROSCREEN. Indubbiamente questo è un notevole plus. Nel corso dei successivi 18 mesi, siamo sicuri che la nostra azienda “amica” ci aiuterà a incrementare sensibilmente il fatturato sul mercato italiano che, in questo momento, si attesta sul 25% del nostro business complessivo.